Scuola multilingue

Il curricolo per le lingue straniere

L’apprendimento delle lingue straniere permette all’alunno di sviluppare una competenza plurilingue e pluriculturale e di acquisire i primi strumenti utili a esercitare una cittadinanza attiva nel contesto in cui vive, anche oltre i confini del territorio nazionale.

Accostandosi a più lingue, l’alunno impara a riconoscere che esistono differenti sistemi linguistici e culturali e diviene man mano consapevole della varietà di mezzi che ogni lingua offre per pensare, esprimersi e comunicare.
Per facilitare i processi che rendono possibili questi risultati è necessario che all’apprendimento delle lingue venga assicurata sia trasversalità in “orizzontale”, sia continuità in “verticale”. Attraverso la progettazione concordata degli insegnamenti d’italiano, delle due lingue straniere e di altre discipline si realizza la trasversalità in orizzontale come area di intervento comune per lo sviluppo linguistico-cognitivo.
 
La continuità verticale si realizza dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria di Primo Grado mediante la progressione degli obiettivi relativi alle diverse competenze e lo sviluppo delle strategie per imparare le lingue.
 
Nell’apprendimento delle lingue la motivazione nasce dalla naturale attitudine degli alunni a comunicare, socializzare, interagire e dalla loro naturale propensione a “fare con la lingua”.
 
L’uso di tecnologie informatiche consentirà di ampliare spazi, tempi e modalità di contatto e interazione sociale tra individui, comunità scolastiche e territoriali. L’alunno potrà così passare progressivamente da una interazione centrata essenzialmente sui propri bisogni a una comunicazione attenta all’interlocutore fino a sviluppare competenze socio-relazionali adeguate a interlocutori e contesti diversi.
 
Si creano situazioni in cui la lingua straniera sia utilizzata, in luogo della lingua di scolarizzazione, per promuovere e veicolare apprendimenti collegati ad ambiti disciplinari diversi.
 
Il nostro istituto, tradizionalmente attento al pluralismo linguistico e culturale, propone l’insegnamento curriculare dell’inglese e dello spagnolo, oltre alla possibilità di corsi opzionali di altre lingue; i docenti affiancheranno gradualmente gli studenti in un percorso di riflessione al fine di riconoscere sia le convenzioni in uso in una determinata comunità linguistica, sia somiglianze e diversità tra lingue e culture diverse, in modo da sviluppare nell’alunno una consapevolezza plurilingue e una sensibilità interculturale.
 
L’insegnamento delle lingue straniere sarà orientato allo sviluppo delle competenze attraverso l’assunzione di una responsabilità individuale nei confronti dei risultati, la valorizzazione dello studio e della ricerca personale, il lavorare su problemi, la ricerca attiva delle informazioni e la loro autonoma rielaborazione, rispettando le potenzialità e le aspettative di ciascuno studente. Verrà sviluppata la capacità di lavorare con gli altri e la valorizzazione delle strategie formative che meglio collegano l’imparare al fare, alternando la lezione tradizionale con attività di tipo laboratoriale.

Insegnamento della Lingua Inglese alla Scuola Primaria e Scuola dell'Infanzia

L’approccio alla lingua inglese inizia già alla Scuola dell’Infanzia grazie alla presenza di un’insegnante madrelingua. L’obiettivo della scuola materna è quello di sviluppare in modo armonico tutte le potenzialità individuali attraverso l’utilizzo di gioco, musica, danza, canto, drammatizzazione e ascolto di canzoni e filastrocche e il supporto di immagini. Con questo approccio il bambino si avvicina prima, e vive poi l’apprendimento della lingua inglese in maniera attiva, creativa e soprattutto divertente e viene stimolato in lui l’interesse per il mondo anglosassone. I bambini imparano a utilizzare la lingua per comunicare con gli altri comprendendo che esistono codici linguistici diversi dal proprio; imparano a conoscere realtà diverse dalla propria e si avvicina a concetti attenenti la cultura anglosassone in modo stimolante e attivo.

Nella Scuola Primaria i bambini sono aiutati a sviluppare in modo armonico tutte le potenzialità individuali attraverso l’utilizzo del gioco, della musica, della danza, del canto, della drammatizzazione, dell’ascolto ascolto di storie, della lettura e della visione di immagini o video, il tutto graduato secondo il livello che gradualmente raggiungeranno. L’apprendimento della lingua inglese viene vissuto in maniera attiva, creativa e, soprattutto divertente e così facendo i bambini imparano a utilizzare la lingua per comunicare con gli altri comprendendo che esistono codici linguistici diversi dal proprio; contestualmente viene in loro stimolato l’interesse per il mondo anglosassone, sviluppando una consapevolezza multiculturale basata sulla comprensione e il rispetto delle diversità. Nei primi anni in particolare si tende ad utilizzare la L2 prevalentemente stimolando i bambini alla comprensione globale anche senza la traduzione delle singole parole, sfruttando la presenza di un’insegnante madrelingua; negli ultimi anni l’obiettivo è preparare i bambini ad affrontare la certificazione esterna Cambridge Young Learners English Test “Starters” come momento di verifica personale delle abilità linguistiche acquisite e al passaggio alla Scuola Secondaria di Primo Grado sfruttando la sinergia con l’insegnante del grado superiore.

disegni bambola russa

 
 

Insegnamento della Lingua Inglese alla Scuola Secondaria di Primo Grado

Nella scelta e nella definizione dei contenuti e nella loro organizzazione nel corso dei tre anni della Scuola Secondaria di Primo Grado si tiene conto delle “Indicazioni Nazionali per il curriculo della Scuola dell’Infanzia e del primo ciclo di istruzione” e, in particolare, dei “Traguardi per lo sviluppo delle competenze” in esse indicate. I traguardi sono riconducibili al Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d’Europa e corrispondono al Livello A2, per quanto riguarda la lingua inglese; e al livello A1, per quanto riguarda la lingua spagnola.
 
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado per la lingua inglese:
 
• l’alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che affronta normalmente a scuola e nel tempo libero;
descrive oralmente situazioni, racconta avvenimenti ed esperienze personali, espone argomenti di studio;
interagisce con uno o più interlocutori in contesti familiari e su argomenti noti;
legge semplici testi con diverse strategie adeguate allo scopo;
• legge testi informativi e ascolta spiegazioni attinenti a contenuti di studio di altre discipline;
scrive semplici resoconti e compone brevi lettere o messaggi rivolti a coetanei e familiari;
• individua elementi culturali veicolati dalla lingua materna o di scolarizzazione e li confronta con quelli veicolati dalla lingua straniera, senza atteggiamenti di rifiuto;
affronta situazioni nuove attingendo al suo repertorio linguistico; usa la lingua per apprendere argomenti anche di ambiti disciplinari diversi e collabora fattivamente con i compagni nella realizzazione di attività e progetti;
autovaluta le competenze acquisite ed è consapevole del proprio modo di apprendere.
 
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado per la lingua spagnola:
 
•  l’alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari;
•  comunica oralmente in attività che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali;
descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente;
legge brevi e semplici testi con tecniche adeguate allo scopo;
chiede spiegazioni, svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera dall’insegnante;
stabilisce relazioni tra semplici elementi linguistico-comunicativi e culturali propri delle lingue di studio;
confronta i risultati conseguiti in lingue diverse e le strategie utilizzate per imparare.

Potenziamento della lingua inglese

In base all’art. 14 del D.P.R. n. 81/2009, “Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola”, a partire dall’anno scolastico 2014/2015 ha avuto inizio il potenziamento della lingua inglese, con l’obiettivo di approfondire lo studio di questa lingua ormai essenziale al giorno d’oggi come codice di comunicazione nel mondo intero e per avviare i ragazzi sia alla scuola superiore sia al mondo del lavoro. In un contesto di scarso se non assente utilizzo della lingua straniera quale mezzo di comunicazione, si è constatato quanto i ragazzi abbiano necessità di fare esperienze in cui l’uso della lingua sia il più possibile vicino a contesti di vita quotidiana. Per questo, a richiesta delle famiglie, si potrà optare per 2 ore curricolari aggiuntive di lingua inglese, al posto della seconda lingua comunitaria, così strutturate:
 
• 3 ore che seguono i programmi ministeriali;
• 2 ore di approfondimento a livello grammaticale, lessicale e di ascolto/conversazione con l’aiuto di un insegnante madrelingua inglese.
 
Questo monte ore aggiuntivo permette uno spostamento della previsione dei traguardi di uscita che si porteranno al livello A2+/B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d’Europa.


Certificazioni linguistiche 

In considerazione della strategia del Consiglio Europeo (2010) Europa 2020 che riconosce il potenziale contributo delle competenze linguistiche a un mercato del lavoro più dinamico e del progetto Youth on the Move che ha ulteriormente ribadito l’esigenza di una sempre maggiore apertura internazionale, la certificazione di una lingua straniera o seconda ha assunto, al giorno d’oggi, un valore basilare in termini di riconoscimento delle competenze. Il rilascio, da parte di un ente riconosciuto, di un documento ufficiale con cui si attesti il livello di competenza linguistica raggiunto risulta essere importante, quasi necessario, sia per poter dimostrare il proprio livello di conoscenza linguistica, sia per dare opportunità al singolo in campo sociale, lavorativo, educativo.
Questo perché un esame di certificazione fotografa il livello di competenza in lingua straniera posseduto a prescindere da particolari metodologie o percorsi di apprendimento adottati per raggiungere quel livello di conoscenza della lingua.
Gli esami di certificazione linguistica sono costruiti sulla base di un sillabo standard che riflette gli stadi di apprendimento in una data lingua pur non essendo legato a nessun percorso formativo di preparazione alle prove e il loro scopo è, quindi, quello di verificare, misurare e valutare il livello di competenza linguistico-comunicativa.
La preparazione al test di certificazione viene svolta nelle ore curricolari da parte dell’insegnante madrelingua (certificatrice Cambridge University) attraverso una modalità di cooperative learning cercando di privilegiare anche forme di apprendimento meno tradizionali e stimolando la condivisione del sapere tra gli studenti.

Viene dunque previsto che tutti gli studenti del curriculo plurilingue affronteranno verso la fine del terzo anno una prova d’esame volta all’acquisizione della certificazione KET, pari al livello A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d’Europa.
 
Gli studenti del curriculo di inglese potenziato affronteranno l’esame per la certificazione KET alla fine del secondo anno mentre alla fine del terzo affronteranno l’esame per la certificazione PET, corrispondente al livello B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d’Europa.

Progetti linguistici e periodi di soggiorno all'estero

Per rispondere alle richieste di una proposta completa, la scuola organizza e propone durante l’anno alcune attività sia curricolari che extra, volte a stimolare ed avvicinare ulteriormente gli studenti alle lingue straniere quali:

Settimana intensiva di lingue: giornate scolastiche dedicate ad attività didattiche e ricreative in lingua con personale madrelingua (spettacoli teatrali, workshop artistici e teatrali, lezioni aperte);
Corsi pomeridiani opzionali di lingue non curriculari (Tedesco);
• Esperienza didattica in Inghilterra di 5 giorni proposta ai ragazzi del terzo anno;
Vacanze studio in paesi di lingua inglese;
Campo estivo con animatori/educatori madrelingua e attività didattiche. 



 
 

 

logo orsoline como 01


Sede principale:
viale Varese 30, Como
Sede distaccata:
via Bellinzona 141, Como

Tel. +39 031 270500
como.orsoline.it

logo dedalo

 

Dedalo Soc.Coop.Sociale Onlus
Via Ferrari 14 
22100 Como

P.IVA 02236520132
orsoline.it

Social

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.